PREMIO RADICCHIO D’ORO 2013 – per l’enogastronomia/giornalismo: Licia Granello

Torinese, giornalista, scrive per “la Repubblica” dal 1981. Dopo vent’anni da inviata speciale di sport, nel 2001 sceglie di diventare food editor, occupandosi di alimentazione, dalla nutrizione all’agricoltura biologica, all’alta gastronomia. Dal 2004, ogni settimana, cura il paginone de I Sapori nella sezione La Domenica di Repubblica.

Nel 2007 pubblica Mai fragole a dicembre (Mondadori) in cui  raccomanda il consumo dei prodotti nella loro stagione ed esalta la naturalezza. Sostiene infatti che “l’agricoltura intrisa di chimica, gli allevamenti intensivi che più intensivi non si può, i formaggi plasticati e i pesci monoporzione, fanno parte di un mondo che ci piace sempre meno. Perché coincidono con la progressiva distruzione di quel paradiso di cose buone e sane che «madre terra» garantisce da tempo immemore, una sciagura capace di contaminare fino in fondo la nostra salute e il nostro buonumore”.

Nel 2011, per  Gribaudo, pubblica “Don Alfonso 1890”; nel 2012 esce “Il gusto delle donne”, edito dalla Rizzoli, che propone venti profili umani e professionali di donne che si sono dedicate con passione e successo al cibo e al vino di qualità.

Prima dell’interesse per il cibo e   la gastronomia, Licia Granello si è occupata di calcio, sport per il quale   nutre una grande passione. I primi scritti risalgono all’epoca del liceo   classico; la carriera di giornalista nasce invece scrivendo  per Tuttosport e per Stampa Sera. L’esordio   su Repubblica è con  un’intervista a   Beppe Furino, capitano della Juventus, la sua squadra del cuore. Nella sua   carriera, ha sperimentato con successo anche il mezzo televisivo. Le   appartiene il primato di essere stata la prima telecronista donna in Italia.   Ha ideato e condotto due serie tv per Rai3: “La testa nel pallone” e “Muscoli&Rimmel”. Dopo   vent’anni da inviata, al seguito di Juventus, Milan, Inter e della Nazionale,   ha chiuso virtualmente la pagina sportiva, dopo le Olimpiadi di Sidney nel   2000.

 

Dal 2007 insegna Comunicazione   Enogastronomica presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

 

Lascia un commento