PREMIO DOP 2013 – alla trevigianità: Andrea Lucchetta

Un nome, una leggenda, come quella della favolosa Nazionale di Volley degli anni Novanta di cui ha fatto parte come centrale. Nato a Treviso, è considerato  un membro in Italia della cosiddetta generazione di fenomeni,  termine coniato dal giornalista televisivo Jacopo Volpi, usato nel gergo pallavolistico per indicare l’insieme dei giocatori che costituirono l’ossatura della Nazionale  maschile che, sotto la guida di Julio Velasco prima,  Bebeto e Andrea Anastasi poi, riuscì nell’impresa di spezzare il dominio dei paesi dell’est europeo in questo sport, collezionando, tra il 1989 e il 2000, una serie di successi senza precedenti e difficilmente ripetibili nell’ambito di uno sport di squadra.

Soprannominato Crazy Lucky per la particolarissima capigliatura, a spazzola e in diagonale, che ne fa un personaggio a tutti gli effetti, Andrea inizia la sua carriera pallavolistica in seconda divisione con l’Astori Mogliano Veneto nel 197980 per poi passare a Treviso nel 198081 in A2. L’anno successivo l’approdo nella massima serie nelle file della Panini Modena dove giocherà per ben 9 stagioni fino al 1990, anno in cui passa a Milano. In questi anni vince 3 coppe CEV, 4 Scudetti, 1 Coppa delle coppe e 3 Coppe Italia. Durante il suo soggiorno a Modena, la convocazione in nazionale nel 1983, il suo esordio a Chieti il 15/07/1982 in Italia-Urss 2-3. Nel 1984, alle Olimpiadi di Los Angeles, conquista il bronzo con la Nazionale. Per la Mediolanum Milano gioca 4 stagioni dove raggiunge la vittoria nel mondiale per club. Nel 1994 passa all’Alpitour Cuneo, dove con l’allenatore Silvano Prandi nel 1996 fa il poker vincendo Coppa CEV, Supercoppa Italiana, Supercoppa Europea, Coppa Italia A1. Dopo vari ripensamenti, chiude la sua carriera a Modena nel 1999.

La sua esperienza con la nazionale italiana conta ben 292 presenze con un invidiabile Palmares dove figurano 1 bronzo olimpico, 1 campionato del mondo nel 1990 (dove viene premiato come miglior giocatore, MVP), e ben 3 World League consecutive nel 1990, 1991 e 1992.

Nel 2007, insieme agli ex nazionali, aderisce al progetto ideato da Andrea “Zorro” Zorzi di creare una nazionale “Veterans”, che riunisce i grandi volti della pallavolo degli anni ’90. Il 13 ottobre dello stesso anno vincono il “Campionato europeo veterans“, battendo la Russia in finale.

Iperattivo ed eclettico, Andrea si cala anche nel ruolo di commentatore. Per la stagione 2009-2010  è  su RaiSportPiù per le partite della serie A, insieme a Francesco Pancani,  poi per Rai Sport segue il Mondiale di pallavolo 2010 e i Campionati maschile e femminile dalla stagione 2010-2011. Viene chiamato anche per le telecronache delle Olimpiadi di Londra 2012.

Ma lo sport non è tutto. Eccolo allora come ideatore e co-produttore della serie animata Spike Team, realizzata con Rai Fiction, nella quale dà le sembianze e la voce all’allenatore protagonista, e l’ideatore del docu-reality Spike Girls – Schiacciatrici. Non manca nel suo curriculum un tuffo nella musica: nel  1992 pubblica con la RTI Music il maxy Single Go Lucky Go e parteciperà anche ad una puntata del Festivalbar 1992. Nello stesso anno conduce la trasmissione Go Lucky Go dedicata alla pallavolo Italiana, sempre su Radio 105. L’anno seguente pubblica il disco Schiacciamo l’Aids per sensibilizzare i giovani sul problema.

Lascia un commento